Torna all'indice
Riferimenti Normativi


La scena è davanti ai nostri occhi, la immaginiamo con dovizia di particolari, forse perché tante volte l’abbiamo temuta. E’ bastata un’interrogazione, una domanda di troppo per scatenare la violenza e la brutalità. Richiami alla partecipazione, alla educazione, nervi troppo spesso a fior di pelle, il coltello, la ferita al volto, la paura degli studenti, la corsa in ospedale

L’episodio, gravissimo, è sintomatico di una Scuola, forse, ancora autorevole per la qualità dell’insegnamento, per le capacità dei Dirigenti, per i talenti dei nostri ragazzi, ma che si scontra quotidianamente con l’opinione diffusa di insufficiente considerazione soprattutto dei suoi operatori, con la eccessiva burocrazia e la poca focalizzazione dei reali problemi di educazione e di gestione. La scuola chiede di riprende il ruolo di cardine della società e la piena e reale collaborazione delle famiglie per sollecitare ulteriori sforzi educativi e formativi in una società che talvolta confonde il virtuale con il reale.

Oggi più che mai, il mondo della Scuola sente il bisogno di esprimere la piena solidarietà alla docente ferita nell’esercizio della professione, sente il bisogno vero di abbracciare la Dirigente che conosciamo e che sappiamo sempre attenta nel sollecitare e realizzare percorsi e progetti di vera inclusione e recupero, sente il dovere di essere vicino ai tanti ragazzi ed alle famiglie consapevoli del vero ruolo della Scuola che, semplicemente, è quello di esaltare le competenze ed i talenti specifici dei ragazzi, divenuti cittadini consapevoli, accompagnandoli nei diversi e difficili percorsi di vita.

Questo è il ruolo ed il principale della Scuola, non altro, ma occorrerebbe riscoprirlo. Facciamolo insieme poiché non sappiamo per quanto ancora possiamo resistere così “nudi ed esposti”.  Infatti la docente Franca De Blasio si interroga sulla inefficienza della azione educativa, perdona (!?) ed il ragazzo minimizza dicendo che voleva farle solo un graffio ( di 32 punti di sutura) Ma quanti graffi dobbiamo ancora sopportare ? Forza Franca! Forza Pina !

Serafina Ippolito a nome dell'Istituto De Sanctis e dei Dirigenti dell’Ambito Avellino 01

   

Servizio di Retesei del tgsei del 3 febbraio 2018