Torna all'indice
Riferimenti Normativi



 
Il DS :
Retesei con questo articolo anticipa la comunicazione circa la organizzazione del nuovo Corso di Studi.
La sperimentazione dei 5 giorni di lezione,  con il  sesto dedicato a progetti ed altre attività, è una ulteriore novità per le Superiori mentre per gli altri settori scolastici dura da  sei anni essendo iniziata nella Scuola dell'Infanzia nell'anno 2011-12.
Altra novità è la unificazione di tutti gli indirizzi nella sede di via Aldo Moro-via Roma.
Il prossimo anno il Liceo Musicale avrà una nuova sede "dedicata" nella attuale  scuola di via dei Monti-Einaudi .
 RETESEI:
Per il momento si parte con una sperimentazione che durerà circa due mesi, poi ci saranno le necessarie verifiche e si deciderà. Settimana corta anche per i ragazzi delle superiori dell’istituto omnicomprensivo Francesco De Sanctis di Cervinara, Il collegio dei docenti, dopo aver ascoltato una delegazione degli studenti, ha deliberato di dare via alla sperimentazione. Gli studenti frequenteranno la scuola dal lunedì al venerdì, con orari variabili rispetto agli indirizzi di studio. Ad esempio, per i ragazzi della ragioneria, l’orario va dalle 8,00 alle 14,00 con due giorni la settimana che si esce alle 14 e 30. Per i licei, invece, l’orario è maggiormente ridotto. Al sabato si potranno, invece, effettuare tutte le altre attività extrascolastiche in cui i ragazzi sono impegnati e che durante le settimane, accumulandosi con lo studio, diventano fonte di stress. La settimana corta per gli studenti superiori è un logica conseguenza, visto che viene già praticata, da alcuni anni e con successo, alle elementari e alle medie. Gli studenti sono stati felicissimi di aderire alla sperimentazione e sperano che vada a buon fine. Probabilmente, qualche genitore non sarà d’accordo. Ma, anche a Cervinara, dovrebbe iniziare il tempo di capire che non si può interferire su tutto, soprattutto sulla scuola. La dirigente Serafina Ippolito, i docenti e tutto il personale scolastico hanno le professionalità giuste per l’organizzazione dei tempi e dei modi della scuola. I genitori sono chiamati a collaborare, a mettere a disposizioni la loro voglia di fare, ma bisogna rispettare le giuste gerarchie. Troppe volte in passato, abbiamo visto mamma e papà interferire anche sulle composizioni delle classi. Questi metodi da classisti sono,completamente, fuori tempo. La scuola deve preparare i ragazzi ad affrontare un mondo sempre più difficile, che non finisce a Cervinara. E’ bene capirlo per evitare di fare danni.